"Non siamo pacifisti. Siamo avversari della guerra imperialista per la spartizione del bottino fra i capitalisti, ma abbiamo sempre affermato che sarebbe assurdo che il proletariato rivoluzionario ripudiasse le guerre rivoluzionarie che possono essere necessarie nell'interesse del socialismo."
(Vladimir Ilič Ul'janov, Lenin, 1917)

4 giugno 2009

L'unica informazione attendibile: la controinformazione.

Articolo condiviso tramite "VivaCubaLibera" di Eliolibre

Salim Lamrani: le bugie di RSF 

(traduzione a cura di Alessandro Lattanzio, "Eurasia")

"Ancora una volta Reportes Sans Frontières ha svolto il suo lavoro ben remunerato, quello di mettere in cattiva luce chiunque venga considerato "nemico" degli USA. Come sempre il nemico più "pericoloso", quindi da aggredire con più determinazione, è Cuba, paese da cinquant'anni vera spina nel fianco dell'imperialismo Usa.

A questo nuovo criminoso, dal punto di vista giornalistico, attacco anticubano dell'organizzazione al servizio dell'imperialismo e delle sue insostenibili ragioni e prepotenze, risponde Salim Lamrani, docente presso l’Università Paris-Descartes e Università Paris-Est Marne-la-Vallée e giornalista francese, specialista in relazioni tra Cuba e Stati Uniti. Autore di "Cuba di fronte all’Impero: la propaganda, la guerra economica e il terrorismo di Stato", l’ultimo libro pubblicato in francese: "Double Morale. Cuba, l’Union européenne et les droits de l’homme".
Ecco l'articolo di Lamrani che in maniera chiara ed inconfutabile smonta punto per punto le tesi propagandistiche di coloro che vorrebbero erigersi a tutori della libera informazione.
«Il 20 maggio 2009, Reporters Sans Frontières ha rilasciato una dichiarazione su Cuba, in cui si afferma che "chiunque può navigare in Internet ... a meno che non sia cubano."

Per sostenere il suo punto, RSF presenta un video, girato con una telecamera nascosta, in cui a un cubano è vietato l’accesso a internet in un hotel . L’organizzazione aggiunge che un "utente rischia fino a 20 anni di carcere se si pubblica un articolo ’contro-rivoluzionario’ (articolo 91) sui siti internet e cinque anni se effettua illegalmente la connessione a internet."
Infine, RSF ha affermato che "Cuba è la seconda prigione al mondo per i giornalisti, dopo la Cina", sottolineando che "24 professionisti dei media", sono "in carcere sotto il falso pretesto di essere ’mercenari al soldo degli Stati Uniti’ ".
E’ facile mettere RSF davanti alle sue contraddizioni. Infatti, mentre l’organizzazione di Parigi dice che nessun cubano non può collegarsi a internet, mette il link ... "testo della blogger Yoani Sanchez”, che vive a Cuba e che si pronuncia apertamente contro il governo de L’Avana tramite internet. Come fa Sanchez a esprimersi se non ha accesso a Internet?
Il suo ultimo discorso è del 27 maggio 2009.
Ha inoltre scritto il 25 maggio, 23 maggio, 22 maggio, 19 maggio, 18 maggio, 16 maggio, 15 maggio, 13 maggio, 10 maggio, 9 maggio, 7 maggio , 6 maggio, 4 maggio, 2 maggio, 29-28-27-26-25-23 e 21 aprile 2009. Così, nei mesi che precedono la pubblicazione della dichiarazione di RSF su Internet a Cuba, Yoani Sanchez è stata in grado di connettersi a Internet, da Cuba, almeno 18 volte.
RSF non ha esitato a contraddire una pubblicazione con un’altra. Così, in una relazione del marzo 2008 sui giornalisti indipendenti a Cuba, l’entità di Parigi, sottolinea che "il blog di Yoani Sánchez è parte di un più ampio portale, Consenso/Desdecuba.com”, sostenuto da cinque blogger e con la consulenza di una Redazione di sei persone. Il suo scopo è principalmente di commentare l’attualità politica del paese. Il sito pretende di aver superato i 1,5 milioni di click nel febbraio, dopo un anno di esistenza, di cui 800000 sono nel blog Generación Y. Più impressionante, il 26% dei visitatori sono domiciliati a Cuba, al terzo posto dopo Stati Uniti e Spagna. Una semplice domanda: Com’è che "il 26% dei suoi lettori sono cubani" e possono vedere il blog di Sanchez su internet, se è vietato?
RSF ha utilizzato un caso isolato di un hotel cubano, con il trucco della telecamera nascosta, per generalizzare il divieto di internet all’intera isola e stigmatizzare le autorità cubane. Ironia della storia, nella sua dichiarazione del 23 maggio 2009, Yoani Sánchez dice che "ha condotto un sondaggio con una dozzina di blogger in oltre quaranta alberghi in città. Con l’eccezione dell’Occidental Miramar, tutti affermano di non essere a conoscenza del regolamento che ai cubani è vietato l’accesso a internet". La blogger preferita dei media occidentali ha così palesemente contraddetto le asserzioni di RSF.
RSF afferma poi che chiunque pubblichi un articolo critico nei confronti del governo cubano è punito con la reclusione di 20 anni e cita a sostegno il suo articolo 91, senza fornire ulteriori dettagli.
Che cosa dice l’articolo 91 del Codice Penale cubano? Eccolo nella sua interezza: "colui che, a nome di uno Stato estero, svolge un atto al fine di compromettere l’indipendenza dello Stato cubano o la sua integrità territoriale, è tenuto alla pena della privazione della libertà da dieci a venti anni o la pena di morte".
Come è facilmente verificabile, RSF non esita a mentire sfacciatamente. L’articolo in questione non vieta per nulla la pubblicazione di analisi eterodosse su internet. Non limita la libertà di espressione. Punisce gli atti di tradimento della patria.
Con ciò, ricorrendo all’articolo 411-2 del Codice Penale francese ("Il fatto di offrire a una potenza straniera, o a un’organizzazione estera o sotto controllo estero, o ai loro agenti o soldati appartenenti alle forze armate francesi, in tutto o in parte il territorio del paese, è punibile con la detenzione per la vita e 750000 euro d’ammenda") o alla sezione 411-4 ("Il fatto di avere intelligenza con una potenza straniera, o con una organizzazione straniera o sotto controllo estero o con i loro agenti, per generare ostilità od atti di aggressione contro la Francia, è punito con trenta anni di detenzione e l’ammenda di euro 450000. E’ soggetto alle stesse sanzioni per la fornitura a una potenza straniera, impresa estera od organizzazione di proprietà estera o dei loro agenti dei mezzi per avviare le ostilità o compiere atti di aggressione contro la Francia"), si può accusare il governo di Nicolas Sarkozy di repressione contro gli internauti.
Inoltre, basta visitare il blog di Yoani Sánchez, estremamente critico nei confronti della autorità cubane, o leggere gli scritti degli avversari per rendersi conto della mancanza di merito della denuncia da parte dell’organizzazione di Parigi.
RSF attesta inoltre che tutti i cubani sono passibili di "cinque anni se si collegano ad internet illegalmente”.
Qui, l’ente francese si limita a rilasciare una dichiarazione perentoria, senza nemmeno prendersi la briga di citare una legge che, ovviamente, non esiste. Ancora una volta, RSF spara contro la verità.
Infine, RSF ripete la stessa manfrina, assicurando che “24 lavoratori dei media" sono “in carcere sotto il falso pretesto di essere ’mercenari al soldo degli Stati Uniti’ ”.
L’organizzazione non è in grado di mostrare coerenza e rigore nei propri documenti. Infatti, nella versione spagnola di questo articolo, non parla di più di "19 detenuti".
Ma i numeri non importano, la beffa è ancora una volta raddoppiata.
Da un lato, sui "24 professionisti dei media" citati dall’organizzazione, uno è un vero giornalista: Oscar Elias Biscet. Gli altri non avevano mai fatto questo lavoro prima di entrare nel mondo del dissenso.
D’altro canto, questi individui non sono stati condannati per aver emesso una sovversiva produzione intellettuale, ma per aver accettato soldi offerti da Washington, così passando dallo status di oppositore ad agente stipendiato da una potenza straniera, commettendo allo stesso tempo, un reato grave punibile non solo da parte della legislazione cubana, ma dal codice penale di ogni paese nel mondo. Le prove a questo riguardo sono molteplici: gli Stati Uniti riconoscono di finanziare l’opposizione interna a Cuba, e i loro documenti ufficiali l’hanno dimostrato, i dissidenti confessano di ricevere sostegno finanziario da Washington e anche Amnesty International afferma che i detenuti sono stati condannati "per aver ricevuto fondi o attrezzature dal governo degli Stati Uniti per attività percepite da parte delle autorità come sovversive o dannose per Cuba”.
RSF non è una organizzazione degna di credito perché la sua agenda è soprattutto politica e ideologica.
Come si è osservato, è facile mettere l’organizzazione di Parigi di fronte alle sue contraddizioni e rivelarne le sue manipolazioni. D’altronde, RSF non può avere legittimità, perché riconosce di essere finanziata dal National Endowment for Democracy (NED) che non è altro che lo schermo ufficiale della CIA, come il New York Times del marzo 1997 ha osservato: la NED "oè stata creata 15 anni fa per svolgere pubblicamente ciò che la Central Intelligence Agency (CIA), ha fatto per decenni di nascosto".»
Salim Lamrani

2 commenti:

sytry82 ha detto...

Cuba è comunista proprio per colpa delle politiche USA.

Eliolibre ha detto...

Cuba è comunista perchè ha fatto una rivoluzione per essere una nazione libera e la difende da 50 anni contro tutto e contro tutti con le armi della cultura di un popoplo unito nella difesa dei propri valori. Questo non vuol dire che sia un paradiso, è fatta di uomini con tutti i loro pregi ed i loro difetti ma proprio la storia di Cuba sta a dimostarre che il socialismo è l'unico sistema adatto allo sviluppo dell'uomo, alla giustizia sociale, alla fratellanza tra i popoli ed alla difesa del patrimonio ambientale del nostro pianeta.